• English EN French FR German DE Italian IT Russian RU Spanish ES

Come muoversi quanto molti clienti sono al recupero crediti: le indagini di Investigazioni Ombra Srl

L’attività di recupero crediti può avvenire attraverso due differenti strade. La prima è quella stragiudiziale, ovvero una “soluzione amichevole” con la quale si invita il debitore ad un pagamento spontaneo. La seconda consiste invece nel recupero crediti giudiziale che si passa necessariamente attraverso le classiche vie giudiziarie.

Prima di avviare la pratica di recupero crediti stragiudiziale, il nostro personale esperto e qualificato si occupa di analizzare tutta la documentazione fornita dal cliente al fine di accertare che il credito sia realmente certo, liquido ed esigibile.

 

I vari passi dell’attività di recupero crediti

Il primo passo di lavorazione per il recupero crediti stragiudiziale consiste nell’invio di una raccomandata in cui viene richiesto al debitore il pagamento della somma dovuta al nostro cliente e dei diritti d’agenzia, il tutto entro una settimana alla ricezione della raccomandata.

Successivamente avviene il contatto telefonico del debitore al fine di trovare un accordo in favore del debitore sul pagamento della somma dovuta. A seconda dei casi, in accordo con il cliente, sarà possibile stabilire pagamenti anche tramite un piano di rientro rateizzato, di modo da aiutarlo nel sostenere i pagamenti.

 

Qualora il debitore non avesse ancora provveduto al pagamento di quanto dovuto, la lavorazione della pratica procede con l’invio di un ultimo sollecito di pagamento tramite raccomandata, accompagnato da ulteriori solleciti telefonici, e se necessario anche con l’intervento sul posto di uno dei nostri funzionari esattoriali.

In ultima istanza, la nostra procedura di gestione della pratica, contempla l’invio di una missiva da parte del nostro Studio Legale interno, con l’avviso di una Azione Giudiziaria.

 

La fase giudiziale

Nel caso in cui durante la fase extragiudiziale non viene recuperata la somma dovuta, viene valutata la possibilità di avviare unazione di recupero del credito attraverso una fase giudiziale.

La valutazione sulla convenienza di avviare un’azione legale è un valore aggiunto della nostra società. Infatti, attraverso la realizzazione di report mirati che consentono di conoscere dettagliatamente la situazione economico-patrimoniale e finanziaria del debitore, è possibile valutare la convenienza ad avviare o meno un’azione legale nei confronti del debitore. Qualora attraverso gli accertamenti svolti venisse dimostrato che il credito è del tutto inesigibile, la nostra società rilascerà un “report di inesigibilità” grazie al quale è possibile defiscalizzare il credito.

 

La prima causa di fallimento di società in Italia

La causa principale di fallimento per un’impresa, in Italia, è sicuramente il credito insoluto e la mancanza di liquidità. Molte aziende infatti, pur con bilanci potenzialmente positivi, si trovano a chiudere contratti con clienti che per diversi motivi non riescono a rimborsare il proprio debito e questo li porta ad avere una crisi di liquidità che, oltre a fermare la crescita e a limitare le possibilità di business, nei casi estremi, porta ad una crisi profonda dell’attività stessa.

A questo punto per l’impresa creditrice l’unica soluzione è quella di rivolgersi ad un legale per capire come poter recuperare questi crediti e riacquisire capitale circolante.

Il consulente legale in questa fase acquisisce un ruolo fondamentale per il suo cliente in quanto, non solo andrà a sostenerlo in giudizio, ma avrà anche la possibilità di evitare che si passi ad un processo per recuperare un dato credito.

 

Fase di recupero stragiudiziale

La fase precedente all’azione legale vera e propria è il cosiddetto recupero stragiudiziale nel quale il creditore, grazie all’aiuto del suo avvocato o di un’agenzia che si occupa di indagini per recupero crediti e investigazioni, dopo aver acquisito i dati relativi al debitore come residenza, dati anagrafici e contatti telefonici, va a richiedere la somma dovuta in via informale.

Nel caso in cui questa fase preliminare non andasse a buon fine è solitamente l’avvocato che, rivolgendosi a società specializzate in informazioni, analizza la posizione del debitore per capire se questo sia effettivamente in grado di rimborsare il debito o se possieda beni mobili o immobili che possano in caso essere pignorati..

 

Le analisi di persone fisiche e persone giuridiche

Le analisi poi si differenziano a seconda che il soggetto sia persona fisica o giuridica; per quanto riguarda le persone fisiche le informazioni principali, oltre a quelle già citate, sono sicuramente la posizione lavorativa del soggetto o l’eventuale pensione ricevuta che permette di valutare, intanto la solvibilità della persona e, in seguito, un possibile pignoramento dello stipendio (il cosiddetto “quinto”), la presenza di conti correnti bancari, e eventuali referenze ottenibili, ecc…

Inoltre per entrambe le tipologie di persone è possibile conoscere gli eventi negativi avvenuti nel tempo come protesti pregiudizievoli e procedure concorsuali o, per esempio, le partecipazioni in altre società.

 

Dal punto di vista delle persone giuridiche è possibile conoscere, oltre ai dati pubblici come misure camerali e ultimi bilanci, anche informazioni verificate tramite analisi investigative, come per esempio la reale operatività di un’impresa o l’eventuale esistenza di un conto corrente e tutte le informazioni a riguardo.

Nei casi particolari e spiacevoli in cui avviene il decesso del debitore è possibile, tramite queste indagini preliminari, conoscere l’identità degli eventuali eredi sui quali è possibile attuare una eventuale azione legale, valutandone anche in questo caso la solvibilità e i beni aggredibili.

Tutte queste informazioni possono essere poi rielaborate per avere una reale stima della possibilità di recuperare uno specifico credito.

 

La fase del recupero giudiziale

Nel momento in cui l’avvocato ha definito che il credito sia  recuperabile si procede al recupero giudiziale con una percentuale più alta di recupero effettivo.

Con questa valutazione preliminare il consulente legale è quindi in grado di offrire un servizio ad alto valore aggiunto al suo assistito ed aiutarlo in una situazione che per molte imprese rischia di essere l’inizio di una crisi irrimediabile.

 

Investigazioni Ombra S.r.l. e la pluriennale esperienza

Investigazioni Ombra S.r.l. opera, da oltre dodici anni, nel campo delle investigazioni private e nel settore delle business & corporate investigations.

Le attività di indagine vengono svolte, esclusivamente, attraverso personale altamente qualificato e con esperienza pluriennale, garantendo il rintraccio di prove tangibili, utilizzabili anche in sede di giudizio.

Contattaci tramite il numero verde o compila il form sul nostro sito!

I commenti sono chiusi.