“Tante richieste per la sicurezza privata” – La Nazione 26.11.2015

Psicosi diffusa, paura per la propria sicurezza e timore di viag­giare. E’ l’effetto attacchi terrori­stici che si traduce in una corsa collettiva alla sicurezza privata. Anche qui. «Da molto tempo ab­biamo richieste di consulenze e di organizzare e gestire la sicurezza di aziende, centri commerciali, abitazioni e persone ma, a seguito dei noti episodi avvenuti recente­mente in Europa, abbiamo avuto un incremento di richieste di sicu­rezza a vario titolo». Parola dell’agenzia investigativa Ombra di Arezzo che mai come in questo periodo è chiamata ad intervenire sia in Italia che all’estero, ma an­che in città. «Sabato saremo pre­senti all’hotel Minerva con otto operatori per un servizio di pre­venzione e sicurezza ad un noto europarlamentare – continuano al­la Ombra -. Una famiglia reale ara­ba ci ha richiesto un servizio di protezione per muoversi in Fran­cia per tutto il periodo della per­manenza, così come dei russi che stanno visitando e investendo in Italia».

E se Arezzo è una città relati­vamente tranquilla, come confer­mano anche gli investigatori privati, anche qui le cose sono cam­biate moltissimo negli ultimi an­ni. «I cittadini ora più che mai hanno timore e guardano con so­spetto ogni situazione anomala, pensando che le forze di polizia, oberate di lavoro e sotto organico, non riescano a garantire i parame­tri di sicurezza – spiega Alessan­dro Rossi di Ombra -. Oltretutto abbiamo visto che gli obiettivi possono essere i più svariati, per cui il cittadino comune teme mag­giormente per la propria incolu­mità e quella dei suoi cari. Incolu­mità messa in pericolo non tanto da terroristi organizzati ma da emulatori di questi estremisti isla­mici. Ecco perché abbiamo anche ricevuto telefonate di persone co­muni che ci chiedono costi di servizi di protezione che probabil­mente non avevano mai preso in considerazione prima d’ora. Altri ci chiedono consigli sull’opportunità di intraprendere viaggi o re­carsi in determinati luoghi e sup­porto logistico». Psicosi collettiva o timore per un rischio reale, fatto sta che gli operatori della sicurez­za e gli investigatori, vengono istruiti e aggiornati con corsi di formazione interni, tenuti dall’esperto e qualificato titolare della Ombra, che da oltre 30 anni si occupa di sicurezza in campo in­ternazionale, e da altri professioni­sti che spesso sono invitati a parte­cipare. Questi aggiornamenti vengono fatti perché in caso di emer­genza e situazione di crisi, gli ope­ratori siano in grado di tutelarsi e fronteggiare le situazioni anoma­le. «Molte persone prese dalla psi­cosi del terrore vedono minacce dove non ci sono nonostante la si­tuazione sia delicata e degna di at­tenzione – continua Alessandro Rossi -. In Italia purtroppo la cul­tura della protezione privata è an­cora arretrata e focalizzata sull’uo­mo armato. La migliore sicurezza invece è data dallo studio preven­tivo delle casistiche che possano verificarsi in base a luogo, perio­do, fatti criminosi, anche se l’as­senza di rischio non esiste mai».